La Microsoft estende la validità di alcune versioni di Windows 10 in scadenza

windows update coronavirus

Condividi quest' articolo

Come sappiamo periodicamente Microsoft dismette alcuni sistemi operativi dal punto di vista degli aggiornamenti e del supporto tecnico, come è avvenuto di recente per il Windows 7.

windows update coronavirus

Il 14 Aprile era fissata la deadline della versione più obsoleta di Windows 10, precisamente la versione 1709.

Questa scadenza è stata procrastinata di sei mesi, quindi avverrà il 13 Ottobre.

Non è stato precisato il motivo, ma probabilmente si tratta di una delle tante conseguenze delle epidemie mondiali di Coronavirus.

Il colosso di Redmond infatti, tenendo conto delle difficoltà del momento e quindi delle difficoltà dell’utente medio di procurarsi un aggiornamento di Windows, ha deciso di mantenere in sicurezza tutti i computer che montano questa versione del sistema operativo per almeno sei mesi, il tempo necessario si spera perchè tutto torni alla normalità.

Questa politica, che ci sembra molto saggia, sarà probabilmente attuata anche con altri prodotti che eventualmente dovessero avere lo stesso problema.

A causa del Coronavirus infatti, oltre ad un vistoso calo delle vendite di software ed hardware, malgrado le software house si siano attrezzate e molte già lavorino con la tecnica dello smartworking, per chi opera nel settore sistemistico, quindi con l’hardware, non potendosi recare dai clienti sono tempi difficili.

Iscriviti alla nostra nEWSLETTER

resta aggiornato ed impara dai migliori

Altri articoli che potrebbero interessarti

datacenter-micropedia-migliori-oerformances-app-mobile
Notizie

Nuovi server più performanti per Micropedia

Nell’ottica del miglioramento dei nostri servizi ai clienti abbiamo stretto una partnership con OVH con nuovi server che ci consentono di migliorare le prestazioni delle

copertina libro marco ilardi digital food
Casi di successo

Digital food il primo libro di Marco Ilardi

Durante la pandemia sono successe tante cose. La principale e la più violenta è stato sicuramente il lockdown che ha costretto molte attività soprattutto quelle